Torneos de poker online gratis

  1. Guadagnare Con Blackjack: Secondo il numero di giocatori che lo cercano, Cleopatra's Secret non è una slot molto popolare.
  2. Metodo Biloxi Roulette - Leggi la nostra recensione di Merry Christmas slot per capire meglio le caratteristiche più importanti di questa slot.
  3. Vincita Piu Alta Al Casinò: Questi siti inclusi City Club Casinò, Crown Europe Casinò e City Tower Casinò.

Quantas cartas tem baralho de poker

Roulette Mit Doppelnull
I guadagni realizzati attraverso la dispersione vengono aggiunti alla linea vince.
Numeri Roulette Colori
La gloria di essere incoronato campione della loro divisione senza dubbio fornisce un incentivo per i proprietari dei migliori cavalli per inserire le loro spese il giorno delle finali, ma il denaro non è male neanche.
Quando si effettua un pagamento o finanziare il tuo account di casinò online, l'altra parte non saprà mai i dati della carta di credito o altre informazioni sensibili, ma solo la quantità di denaro che sei disposto a investire.

Cosa significa fare jackpot

Partecipazione A Giochi D Azzardo
Una volta che si accumulano una certa quantità di punti, si sposta i livelli, sbloccando ricompense migliori, come si va.
Black Jack Il Banco Vince Sempre
Il succo tende verso la fascia alta, che può spegnere gli scommettitori più seri, ma non è una garanzia di insuccesso.
Giochi Casino Mendrisio

Skip to main content

La mobilità all’interno della Unione Europea  ha  portato anche alla necessità di regolare la competenza tra gli stati  relativa alle procedure fallimentari, sia per le persone che che giuridiche. Tale necessità è aumentata anche per il moltiplicarsi delle procedure di insolvenza dei privati.

Il regolamento Europeo

Il Regolamento (UE) 2015/848, consente di aprire la procedura principale d’insolvenza nello Stato membro nel quale è situato il centro degli interessi principali del debitore.

Tale procedura ha portata universale e tende a comprendere tutti i beni del debitore e per tutelare tutti i diversi interessi, il regolamento permette di aprire una procedura secondaria di insolvenza in parallelo con la procedura principale di insolvenza in un altro paese.

La procedura secondaria di insolvenza può essere aperta nello Stato membro in cui il debitore ha una dipendenza. Gli effetti della procedura secondaria di insolvenza sono limitati ai beni situati in tale  ultimo Stato. 

 Prima di aprire la procedura d’insolvenza, il giudice competente dovrebbe verificare d’ufficio se il centro degli interessi principali del debitore o la dipendenza di quest’ultimo sono effettivamente situati entro la sua giurisdizione.

Nello stabilire se il centro degli interessi principali del debitore sia riconoscibile dai terzi, si dovrebbe prestare particolare attenzione ai creditori e alla loro percezione del luogo in cui il debitore esercita la gestione dei suoi interessi. 

Il caso in esame

La questione che ha portato la Corte di Giustizia Europea a decidere in materia di competenza sull’insolvenza transfrontaliera, è nata in Portogallo, quando una coppia di coniugi portoghesi, residenti nel Regno Unito, ha richiesto ai giudici del loro paese di origine di avviare una procedura di insolvenza.

I due coniugi erano residenti nel Regno Unito, ove erano lavoratori subordinati, l’insolvenza pero’ si riferiva a fatti e debiti di una attività esercitata nel loro Paese di origine , il Portogallo. In tale paese avevano anche il loro unico bene.

L’insolvenza si era dunque verificata in Portogallo.

La prima  domanda veniva respinta dal giudice Portoghese, poiché il centro degli interessi principali dei ricorrenti deve coincidere con quello della loro residenza abituale, nel caso di specie, del Regno Unito.

In risposta, i ricorrenti hanno eccepito che l’unico bene e i contratti che avevano generato la loro situazione di insolvenza riguardavano soltanto un immobile situato in Portogallo.

Il centro di interessi 

Sono competenti ad aprire la procedura di insolvenza i giudici dello Stato membro nel cui territorio è situato il centro di interessi principali del debitore. Il centro degli interessi principali è il luogo in cui il debitore esercita la gestione dei suoi interessi in modo abituale e riconoscibile dai terzi. […] Per le persone fisiche si presume, fino a prova contraria, che il centro degli interessi principali sia il luogo in cui la persona fisica ha la residenza abituale

Corte di Giustizia Europea, Sentenza 16 luglio 2020, C-253/19

Quando si tratta di insolvenza transfrontaliera, la presenza di un bene nel paese di origine, non comporta lo spostamento di competenza del giudice del paese della residenza abituale della persona fisica che vive all’estero, in un altro stato membro.

La Corte ha chiarito, che per stabilire il centro di interessi del debitore insolvente, si individua la sua residenza abituale, se questa non è stata cambiata nei sei mesi precedenti al sorgere della questione.

Viene dunque effettuata una valutazione oggettiva e globale sui criteri verificabili dai terzi, anche per evitare tentativi di elusione che possono portare il debitore ad una situazione giuridica più favorevole a discapito della massa dei creditori.

Il focus viene posto sul debitore, nel luogo in cui esso gestisce i propri interessi, dove recepisce i redditi e dove si trova per la maggior parte del suo tempo, nel luogo in cui tali interessi e il loro esercizio è riconoscibile dai terzi., e suddetto e ricercato luogo, coincide dunque con quello della sua residenza abituale.

Saranno i giudici dello stato in cui il debitore risiede a dover avviare la procedura, anche se questa scaturisce da contratti stipulati nel paese di origine.

L’apertura delle procedure di insolvenza anche a carico delle persone fisiche porterà a problemi di competenza del giudice territorialmente competente.